Sito web istituzionale ad uso informativo per l’utenza

Public Archaeology a Verona. Un percorso sperimentale di conoscenza e comunicazione lungo la via Postumia

Verona , Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza e Dipartimento Culture e civiltà dell'Università di Verona

18-19 maggio, 2017 - iniziative culturali diffuse sul territorio

Via Postumia

Il 18 e 19 maggio la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza e il Dipartimento Culture e Civiltà dell’Università di Verona, in collaborazione con Wikimedia Italia e OpenStreetMap – Italian Chapter, organizzano due giornate di formazione e documentazione su di un tratto della via Postumia a Verona. La Via Postumia rappresentò per l’impero romano una delle più importanti e strategiche vie consolari, cruciale per i collegamenti est ovest all’interno della penisola italica. A Verona corre lungo l’attuale via Mantovana, poi lungo via Albere, attraversa Porta Palio, prosegue per Corso Porta Palio, corso Cavour, via Porta Borsari, corso Santa Anastasia dove un tempo incontrava il fiume Adige attraversandolo grazie al ponte Postumio (oggi inesistente).
Obiettivo delle due giornate è quello di promuovere la conoscenza e la valorizzazione di questa importante strada romana che attraversa per un lungo tratto la città, tramite la partecipazione attiva dei cittadini.
Si comincia con un incontro di formazione il pomeriggio del 18/5 presso il laboratorio informatico dell'Università sulla legislazione relativa alla pubblicazione di immagini di beni culturali, sull’editazione e la modifica delle pagine Wikipedia,sull’utilizzo e l’aggiornamento della cartografia Open Street Map.
Venerdì 19 maggio ci sarà invece un percorso lungo un tratto citttadino della Postumia per documentare alcuni monumenti ubicati lungo la via per aggiornare Wikipedia e la cartografia OSM.

Per le modallità di partecipazione e per conoscere i dettagli dell'iniziativa vai alla pagina del programma

Vai alla ricerca